La cravatta  rappresenta il simbolo dell’eleganza maschile. Un must irrinunciabile per ogni gentleman che riporta ad un’immagine classica di una volta.

 

 

Questo oggetto è inoltre simbolo del successo, della potenza e dell’eleganza. Rappresenta lo specchio dell’uomo e la sua intimità.

Essendo uno degli indumenti più visibili, la cravatta è un’affermazione del proprio io e della propria personalità. I suoi elementi quali il modo di annodarla, il materiale usato, la larghezza, la lunghezza, la forma e le punte possono infatti comunicare il nostro carattere e stato d’animo.

Da alcuni studi relativi alla cravatta risulta che riveste il ruolo di bandiera esibita dall’uomo per comunicare le proprie emozioni e i propri desideri, di essere, di apparire. Si può dire che rappresenti lo specchio dell’uomo, della sua intimità più profonda rivelata attraverso una semplice striscia di seta.

Recentemente la cravatta ha perso però il suo valore poiché considerata un accessorio vecchio, oppure visto come una costrizione al pari delle redini nella bocca del cavallo.

 

In verità la cravatta è tra i pochi accessori di cui gli uomini possono servirsi per distinguersi e dare un tocco di originalità al loro abbigliamento. 

 

La verità sulla cravatta con la punta V

 Se pensiamo alla cravatta come simbolo della maschilità dobbiamo fare un passo indietro.

Conoscete la simbologia del triangolo? Cosa si nasconde dietro questa geometria e quale significato trasmette? I primi usi del triangolo come simbolo sono stati ritrovati nelle grotte e sepolcri del Paleolitico e Neolitico inciso sulle pareti.

Le origini di questa forma sono infatti antichissime. Nelle diverse culture il triangolo simboleggia il divino, il sole, il fuoco, il maschile. Se capovolto all’insù, invece, il suo significato cambia completamente. Esso rappresenta l’umano, la luna, l’acqua, il femminile.

Sapete che avete sempre indossato una cravatta dal sesso femminile? Sono sicuro che con questa mia domanda vi ho incuriosito. :)

Ebbene si, le solite cravatte, tipicamente maschili, che finiscono con un triangolo con la punta all’ingiù, nella verità e secondo lo studio sul simbolo rappresentano la femminilità. Guardate..

Nonostante la cravatta sia diventata un accessorio anche femminile e lo stile unisex domini comunque e sempre di più, nel mondo della moda si è soliti sottolineare le differenze tra uomini e donne.

Quello che però dobbiamo imparare è di tenere in considerazione i diritti di tutti. Occorre che ognuno di noi abbia comunque il diritto di sentirsi come vuole: questo può essere rappresentato con una celebre citazione latina: “Date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio” ovvero, ad ognuno il proprio significato, il proprio simbolo.

Contattaci

Vuoi informazioni riguardo le nostre cravatte? Il servizio clienti Lorenzo Zani è a tua completa disposizione. Lasciaci i tuoi dati per qualsiasi tua richiesta. Ti ricontatteremo il prima possibile.

Inviando i miei dati accetto le normative sulla privacy Lorenzo Zani

Questo sito utilizza cookie, con la finalità di migliorare la tua navigazione. Procedendo nel sito acconsenti al loro impiego. Dettagli